Come Preparare Toast all’Avocado

Tutti ne parlano, tutti lo fotografano, tutti lo mangiano, tutti ne hanno caricato una foto su Instagram, quindi non potevo tirarmi indietro.

E’ stato nominato piatto dell’anno e la parola “avocado” è stata tra gli ingredienti più ricercati online.

Ma come si prepara?

Online ci sono un’infinità di ricette, dolci, salati….ma partiamo dalla base, dal toast classico.

La ricetta base prevede pane in cassetta abbrustolito e avocado, il pane può essere bianco o integrale. Per prepararlo ho preferito il pane multicereale.

L’avocado deve essere maturo, abbastanza morbido al tatto. E’ molto importante consumare il frutto appena sbucciato.

Tutti lo adorano anche perché è una ricetta veloce da preparare, e soprattutto sazia la fame con poche calorie e tanta energia.

Ingredienti
Pane integrale
1 avocado
mezzo lime
olio Evo
sale
pepe

Preparazione
Ho tagliato le fette del pane e le ho abbrustolite su entrambi i lati su una griglia antiaderente.

Ho preparato l’avocado tagliandolo a metà e togliendo il nocciolo e ho tagliato tutta la polpa a cubetti. Si aggiunge l’olio, il sale, il succo di mezzo lime e il pepe.

Con una forchetta si schiaccia la polpa fino a che non diventa una crema morbida.

A questo punto si può spalmare sulla fetta di pane e assaggiarlo.

Devo essere sincera, ero un po’ titubante, non conoscevo l’avocado, non l’avevo mai utilizzato, invece mi sono dovuta ricredere, mi è piaciuto e ogni tanto lo preparo per una merenda veloce e che mi dia la carica.

Ci sono un milione di varianti: si può aggiungere un uovo in camicia, oppure un uovo strapazzato e bacon croccante, il salmone, il formaggio, le verdure, le fragole, la feta, oppure il lardo, accompagnandolo con la guacamole.

Come Preparare Arrosto di Vitello con Patate

Vi propongo una ricetta classica e tradizionale: Arrosto di vitello con patate.

Ingredienti per 4 persone
1 kg arrosto di vitello
3 patate
2 spicchi d’aglio
1 hg guanciale o pancetta a dadini
Olio evo q.b
Sale e Pepe
1/2 bicchiere di Vino bianco
Rosmarino e salvia

Procedimento
Accendete il forno a 180 gradi. Massaggiate la carne con sale, pepe e olio. Sbucciate le patate e tagliatele come più vi piace.. Massaggiate anche le patate con l’olio evo.. Ponete tutto in una teglia, aggiungete i dadini di pancetta e gli aromi (salvia e rosmarino) e gli spicchi d’aglio. Cospargete il tutto con del vino bianco. E finish! Portare a cottura.. un’oretta a 180 gradi saranno sufficienti!
Quando l’aglio cuoce in forno diventa giallo e si camuffa con le patate! State attenti a non mangiarvelo perché io ogni volta me lo mangio e me ne accorgo quando ormai è troppo tardi.

Come Preparare Muffin ai Mirtilli

Due giorni fa ho provato a fare una nuova ricetta per i muffin, sempre in versione vegan. Ho notato che qui sono molto apprezzati i dolci poco dolci, ed in questa ricetta non ho usato lo zucchero, ho pensato che in fondo al massimo avrei buttato tutto (o dato in regalo ai passerotti).

Ammetto che ero molto scettica, ma ho voluto provare lo stesso e, con mia grande sorpresa sono piaciuti.

Ingredienti
Farina tipo “0” 200 gr
Farina di kamut o farro 200 gr ( io ho messo 100 e 100)
200 ml latte di riso
100 ml di succo di mela
100 gr di mirtilli
50 ml succo di uva
50 ml di olio
Un pizzico di sale
Una bustina di lievito

Unite prima gli ingrediente solidi, quindi farina, lievito e sale, poi aggiungete gli ingredienti liquidi ed i mirtilli. Considerate che l’impasto dovrà venire abbastanza liquido, quindi se serve aggiungete del succo di mela o del latte di riso. Preriscaldate il forno a 180 gradi e infornate per circo 20 minuti.

Come Preparare Spezzatino di Funghi e Seitan con Riso Pilaf

Una volta vidi una scrittrice italiana, che mi pare abiti in Inghilterra, che aveva scritto non so quanti libri di ricette, legate ognuna ad un ricordo. Se mi ricordassi il nome la cercherei in libreria, perché avevo trovato l’idea sublime. In un tempo in cui più si è veloci e meglio si è, prendersi del tempo per i ricordi ha qualcosa che si avvicina al prezioso. Associare un gusto ad un’immagine, un timballo di riso ad una scampagnata, un giorno sul calendario ad una torta rustica ben riuscita, sono cose che magari non attirano le visite, ma alimentano i bei ricordi.

Adesso vanno di moda i video, chi se ne intende di marketing assicura che saranno il futuro, che tutto passerà attraverso i canali you tube. Io sono una tradizionalista, a me piace gustarmi le cose, sentire gli odori con l’immaginazione, spizzare le carte piano. Alla fine non so se il risultato sia lo stesso, ma il cammino per arrivarci è sicuramente diverso.

Tutto questo preambolo per dire che ho finalmente rifatto il riso pilaf, e lo so, potevo dirlo ad inizio post e sareste scappati via subito. Mi piace sempre quando cucino un piatto dopo tanto tempo, è come quando vedo un’amica di cui non avevo notizie dirette ma sapevo che stava bene.

Ho cucinato il seitan con i funghi, e non credo di averlo mai fatto prima, un misto funghi fresco, pieno di varietà buonissime. Li ho fatti cuocere insieme a fuoco lento con aglio, olio e sale, aggiungendo ogni tanto un po’ di acqua. Poi mi sono detta che accanto ci stava benissimo un riso, ma non il solito ma il pilaf.

Impazzisco quando la cucina si riempie dell’odore del burro e della cipolla che si cucinano insieme, il rumore del riso che si tosta e sbatte sulle pareti della pentola, la cannella che si unisce al tutto, e quella consistenza buonissima dopo 20 minuti di cottura nel brodo. È una sorpresa ogni volta, alzare il coperchio e vedere come tutto sia cucinato alla perfezione.

Alla fine se unite le due cose il piatto sarà uno spettacolo, garantito.

Come Preparare Ravioli Semintegrali con Seitan e Lattuga

Ci sono dei giorni in cui ho voglia di cucinare, alla vecchia maniera, con matterello, sporcando tutta la cucina, in un modo che non si usa tanto più. Mi piace indossare il grembiule, mettere della buona musica e fare cose un po’ più elaborate del solito. Sabato ad esempio ho voluto fare la pasta in casa. La sera prima mio marito era passato al negozio biologico e mi aveva comprato il seitan, che io adoro come ripieno della pasta.

Ho impastato usando farina bianca e farina integrale di avena nella misura di un terzo, senza uovo perché io non apprezzo la pasta all’uovo, ed ho formato un panetto bellissimo. Adoro vedere come la farina è capace di trasformarsi in altro, come una cosa così semplice può regalare tanti sapori, come ci permette di sperimentare e di divertirci.

Nel frattempo ho preparato il ripieno, anche se in casa non c’era molto, ho sbollentato per pochi minuti alcune foglie di insalata e 1 porro tagliato a rondelle. Una volta scottati e scolato, li ho insaporiti in padella insieme al Seitan tagliato a cubetti ed un po’ d’olio. Dopo circa 8/10 minuti ho spento il fuoco, e una volta raffreddato, ho sminuzzato tutto con il coltello.

Una volta pronto e raffreddato il ripieno ho preparato la sfoglia, stendendo con il matterello ma non troppo sottile, ho creato la forma dei ravioli con l’utensile adatto, ed una volta riempito il raviolo, ho chiuso e sigillato bene.

Li ho conditi semplicemente con un sughetto di burro e salvia, e sono finiti in pochissimi minuti.

Per i vegani ovviamente il condimento con il burro non va bene, ma un sughetto con porri e mandorle tostate sminuzzate sarà perfetto.